WordPress.com a WordPress.org

Guida semplice alla migrazione da WordPress.com a WordPress.orgWordPress.com è una buona opzione se hai appena iniziato.


Tuttavia, molto presto, ti renderai conto che non puoi personalizzare completamente il tuo sito, specialmente se sei nel piano gratuito.

WordPress.org, d’altra parte, offre molte più opzioni di personalizzazione. La ragione di questo è abbastanza semplice: WordPress.org è una piattaforma open source che significa che con il giusto know-how di codifica, puoi facilmente sviluppare qualsiasi tipo di sito web che desideri. Inoltre, ci sono molti più temi e plug-in disponibili per WordPress.org e questi temi solitamente implicano più opzioni di progettazione e stile che rendono facile personalizzare il tuo sito come desideri.

Poiché WordPress.org è una piattaforma open source, sei libero di modificare il codice sottostante che rende WordPress adatto alle esigenze del tuo sito. Sei anche libero di utilizzare qualsiasi società di hosting tu voglia e passare a un’altra società di hosting ogni volta che lo desideri.

3 strumenti necessari per una migrazione riuscita

Ora che abbiamo coperto il motivo per cui dovresti migrare da WordPress.com, esaminiamo le cose che ti serviranno prima di migrare il tuo sito.

1. Nome dominio

Se hai utilizzato il piano gratuito su WordPress.com, è probabile che avrai bisogno di un nome di dominio per il tuo sito. Mentre trovare un grande nome di dominio con estensione .com si sta rivelando sempre più impegnativo, non è una missione impossibile.

Se non disponi ancora di un nome di dominio, utilizza questi passaggi per registrare un nome di dominio.

2. Account di hosting

Non mancano le società di hosting WordPress online. Trovare quello giusto può essere complicato, quindi ecco alcune cose da tenere a mente:

  • Controlla sempre le recensioni di terze parti per assicurarti che i clienti siano soddisfatti del servizio
  • Ricorda che più economico non significa sempre meglio. Se scegli un piano di hosting economico, corri il rischio che il tuo sito si carichi lentamente o sia esposto a vari rischi per la sicurezza. È una buona idea pagare di più per il tuo account di hosting e assicurarti che la tua società di hosting offra misure di sicurezza di base
  • Controlla l’assistenza clienti avviando una chat o contattandoli tramite e-mail. Assicurati che la società che hai scelto risponda in modo tempestivo poiché l’ultima cosa che desideri è i lunghi tempi di attesa in cui hai bisogno di supporto urgente

Un buon punto di partenza per trovare una società di hosting include WordPress.org pagina di hosting.

3. Nuova installazione di WordPress

Infine, avrai anche bisogno di una nuova installazione di WordPress.org. Una volta acquistato il tuo account di hosting, il tuo provider di hosting ti invierà i dettagli di accesso per l’area del tuo account.

Installazione di WordPress

Usando il nome e la password che ti hanno fornito, puoi accedere e cercare l’icona di WordPress. Da lì, puoi avviare il processo di installazione e seguire le istruzioni per installare WordPress. Ciò includerà l’impostazione del titolo del tuo sito e la creazione di un nome utente e una password per la dashboard di WordPress.

Dopo aver inserito tali informazioni, WordPress completerà il processo di installazione a quel punto puoi passare al processo di migrazione.

Spostamento di WordPress.com su WordPress.org con hosting autonomo

Passaggio 1: esporta i tuoi contenuti dal tuo sito WordPress.com

Per prima cosa, dovrai esportare i tuoi contenuti dal tuo vecchio sito WordPress.com. Inizia accedendo a WordPress.com e poi vai a Il mio sito scheda e fare clic su Amministratore WP.

Una volta entrato nella dashboard, vai a Strumenti> Esporta. Come puoi vedere dallo screenshot, puoi scegliere tra due opzioni: Trasferimento guidato che ti riporterà $ 129 o l’opzione Esporta gratuita. Scegli il Esportare facendo clic sull’opzione Inizio pulsante.

Scelta dell'opzione di esportazione

Nella pagina successiva, assicurati Tutto il contenuto è selezionato e quindi premere Scarica il file di esportazione. Ciò assicurerà che tutti i tuoi post, commenti, categorie e contenuti multimediali vengano esportati nel file XML finale.

Impostazioni di esportazione

Vale la pena ricordare che se hai il tuo sito WordPress.com da diversi anni, il tuo file XML finale potrebbe essere più grande di 32 MB. In tal caso, riscontrerai problemi nel tentativo di importarlo nel tuo nuovo sito Web WordPress.org. Dovrai installare il Splitter di file WXR per dividere il file XML in più file più piccoli. In alternativa, puoi contattare la tua società di hosting e chiedere loro se possono aumentare temporaneamente il limite di upload.

Passaggio 2: installa il plug-in importatore di WordPress sul tuo sito WordPress.org

Il prossimo passo è installare il plug-in di WordPress Importer sul tuo sito WordPress.org. Assicurati di aver effettuato l’accesso alla dashboard di WordPress.org e vai a Strumenti> Importa.

Seleziona l’ultima opzione, WordPress, e quindi fare clic su Installare collegamento. Il plug-in verrà installato e sarà quindi possibile procedere con il passaggio successivo.

Installazione del plug-in importatore

Passaggio 3: importa i tuoi contenuti

Hai esportato i contenuti dal tuo vecchio sito e hai preparato il tuo nuovo sito Web WordPress.org ospitato autonomamente. Ora è il momento di importare i tuoi contenuti.

Inizia facendo clic su Esegui importatore collegamento. Clicca il Scegli il tuo file XML e naviga sul tuo computer. Quindi, premi il pulsante blu che dice Caricare un file e importazione.

Sito di importazione

Nella pagina successiva ti verrà chiesto se desideri assegnare post importati all’utente esistente o se desideri creare un nuovo utente. Se il tuo blog aveva più autori, dovrai farlo per ogni autore. L’unica cosa che dovrebbe influenzare la tua scelta è se vuoi mantenere lo stesso marchio e lo stesso nome utente che hai avuto su WordPress.com o se stai cercando un marchio completo.

Una volta che hai preso la tua decisione, assicurati che la casella accanto alla riga che legge scarica e importa gli allegati è controllato. Questo assicurerà che le tue immagini dal vecchio sito vengano trasferite. Quindi, premere il pulsante Invia e attendere il completamento del processo di importazione.

Al termine, vedrai una notifica nella tua dashboard, il che significa che è tempo per il passaggio successivo nel processo di migrazione.

Passaggio 4: verifica il contenuto e le immagini

Ora che hai importato i contenuti dal tuo sito WordPress.com, è tempo di controllare e assicurarsi che tutto sia trasferito senza intoppi. In alcuni casi, soprattutto se il tuo vecchio sito aveva molte immagini, scoprirai che non tutte le immagini sono state importate.

Tuttavia, è possibile utilizzare un plug-in simile Carica automaticamente le immagini. Questo plugin eseguirà la scansione dei tuoi post alla ricerca di link di immagini esterne e quindi farà tre cose:

  • carica e importa automaticamente le immagini esterne nella directory di caricamento di WordPress
  • aggiungere immagini al catalogo multimediale
  • sostituire i nuovi URL immagine con vecchi URL

Tutto quello che devi fare è installare e attivare il plugin e configurare le impostazioni a tuo piacimento, anche se le impostazioni predefinite dovrebbero andare bene così come sono.

Passaggio 5: reindirizza il tuo sito WordPress.com al tuo nuovo sito WordPress.org

L’ultimo passaggio del processo di migrazione consiste nel reindirizzare il tuo sito WordPress.com al tuo nuovo sito WordPress.org. Il motivo principale per farlo è che corri il rischio di perdere il posizionamento nei motori di ricerca se sposti semplicemente il tuo sito su un nuovo dominio.

In secondo luogo, corri anche il rischio di perdere i tuoi visitatori se sposti semplicemente il tuo sito senza avvisarli della modifica.

Sfortunatamente, questa parte del processo richiederà un costo aggiuntivo poiché WordPress.com non ti consente di modificare i file principali del tuo sito. Per fortuna, la commissione non è esorbitante e ti costerà $ 13 / anno. Ecco cosa devi fare.

Torna al tuo vecchio sito Web WordPress.com e vai a Il mio sito scheda. Una volta lì, fai clic su impostazioni. Trovare il Indirizzo del sito e quindi fare clic sul collegamento di reindirizzamento nel campo URL.

Reindirizzamento di un sito

Nella pagina successiva, inserisci il tuo nuovo nome di dominio e premi il tasto Partire pulsante. Sarai in grado di inviare il pagamento nella pagina successiva e il gioco è fatto.

Il tuo vecchio sito Web WordPress.com ora reindirizzerà al tuo nuovo sito WordPress.org con un reindirizzamento permanente 301. È una buona idea mantenere il reindirizzamento per almeno un anno, se non due, per garantire che tutti abbiano il tuo nuovo nome di dominio memorizzato o aggiunto ai segnalibri.

In alternativa, se non desideri pagare per il reindirizzamento, prendi in considerazione di inviare per email i tuoi iscritti e di informarli del tuo nuovo sito mentre imposti il ​​tuo vecchio sito WordPress.com su Privato. Puoi farlo andando a Il mio sito> WP Admin. Una volta che sei nella dashboard, vai a Impostazioni> Lettura e seleziona la casella che dice Vorrei che il mio sito fosse privato, visibile solo a me stesso e agli utenti che ho scelto. 

Puoi anche aggiornare i tuoi profili sui social media per includere un link alla tua nuova pagina in modo che i tuoi follower possano accedere facilmente al tuo nuovo sito.

Tutto ciò che resta da dire ora è congratulazioni! Se hai seguito tutti i passaggi di questo tutorial, ora il tuo sito web dovrebbe essere attivo su WordPress.org.

Pensieri finali

La migrazione del tuo sito da WordPress.com richiede un po ‘di lavoro, ma i vantaggi includono più opzioni di personalizzazione per il tuo sito, nonché la proprietà completa del tuo sito e dei tuoi contenuti.

Quando lo prendi in considerazione, vale la pena dedicare un pomeriggio alla migrazione del tuo sito, quindi fai un tuffo e migra il tuo sito WordPress.com su WordPress.org.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map