Come aggiungere Google Analytics a WordPress

Come aggiungere Google Analytics a WordPressImparare come aggiungere Google Analytics a WordPress è una parte molto importante della gestione del tuo sito web. Il software può darti preziose informazioni su ciò che è e non funziona sul tuo sito e ti consente di prendere decisioni informate sul suo futuro.


In questo tutorial risponderemo a diverse domande su Google Analytics, tra cui:

  • Che cos’è Google Analytics e perché ne hai bisogno?
  • Come registrarsi a Google Analytics?
  • Come aggiungere Google Analytics a WordPress?
  • Come installare Google Analytics con un plugin WordPress?

Iniziamo.

Che cos’è Google Analytics e perché ne hai bisogno?

Prima di approfondire le questioni tecniche, parliamo dell’argomento di questo post: statistiche di Google. Se sei un principiante completo, potresti non essere nemmeno consapevole di cosa sia e perché sia ​​una buona idea collegarlo al tuo sito Web WordPress. Quindi, copriamolo prima.

1. Google Analytics ti aiuta a conoscere il tuo pubblico

Google Analytics è una suite di analisi web che ti aiuta a comprendere e analizzare il tuo traffico web. È presente su oltre 50 milioni di siti Web in tutto il mondo.

Il modo in cui funziona è che aggiungi un pezzo di codice JavaScript alla tua pagina (più su quello che segue) che consente a Google di monitorare le attività dei visitatori che arrivano sul tuo sito. Raccoglierà quindi queste attività e le presenterà sotto forma di statistiche nel tuo account Google Analytics.

Esempio di Google Analytics

Ecco cosa puoi imparare dalle statistiche:

  • Chi sta visitando il tuo sito? – Informazioni geografiche e tecniche sulla provenienza del tuo pubblico e sui dispositivi che utilizzano per accedere al tuo sito.
  • Cosa fanno i tuoi visitatori? – Scopri quali pagine guardano, la tua frequenza di rimbalzo (ovvero la percentuale di visitatori che escono dopo una sola pagina), per quanto tempo rimangono sul tuo sito e altro.
  • Quando stanno arrivando? – Google Analytics ti mostra anche quando le persone arrivano sul tuo sito esattamente per ora, giorno, settimana o mese.
  • Come trovano il tuo sito? – Ottieni anche informazioni sul fatto che il tuo pubblico trovi il tuo sito nei motori di ricerca (e quali di essi), social media, link su altri siti Web o se inseriscono direttamente l’indirizzo del tuo sito.
  • Come interagiscono con i tuoi contenuti? – Da Google Analytics puoi anche capire come le persone interagiscono con il tuo sito WordPress, ad esempio i link su cui fanno clic. Se definisci determinati obiettivi (come convertire i visitatori in abbonati e-mail) puoi anche seguirli.

2. Usa le informazioni per ottimizzare il tuo sito web

Cosa puoi fare con queste informazioni? Quanto ti è utile? Conoscere quanto sopra ti consente di fare molte cose.

  • Modifica il tuo sito per servire meglio il tuo pubblico. Ad esempio, migliorando gli aspetti tecnici o aggiungendo una lingua.
  • Ottimizza le fonti di traffico: investi di più in quelle che funzionano particolarmente bene o intensifica i tuoi sforzi su quelle che non lo fanno.
  • Migliora i tuoi contenuti e la tua strategia di contenuti per offrire ai visitatori più di ciò a cui sono interessati.
  • Tieni traccia delle campagne di marketing e verifica se funzionano.
  • Trova le tue pagine con le prestazioni peggiori e prendi provvedimenti per renderle migliori.

In breve, l’analisi dei dati web ti consente di eliminare le congetture e di prendere decisioni sul tuo sito in base a fatti e dati concreti anziché a un istinto. Google Analytics è completamente gratuito da utilizzare, quindi non contribuisce ai costi del sito Web.

Passaggio 1. Iscriviti con Google Analytics

Prima di poter connettere il software al tuo sito, devi prima registrarti. Lo faremo prima andando al Home page di Google Analytics.

Crea un account Google Analytics

Se disponi già di un account Google, utilizzalo per accedere. In caso contrario, fai clic sul pulsante per registrarti e creare un nuovo account. Una volta fatto con entrambi, vedrai la schermata qui sotto.

Imposta un account Google Analytics

Praticamente mostra già il processo che attraverseremo. Colpire Iscriviti per iniziare. Nella schermata successiva, quando viene scelta tra un’app mobile e un sito Web, assicurarsi di scegliere a sito web. Successivamente, è necessario inserire i dettagli.

Specifica i dettagli dell'account

Tieni presente che il tuo account può contenere diversi siti Web monitorati. Di conseguenza, un nome account appropriato può essere qualcosa di simile Siti Web aziendali. Il sitoweb nome, indirizzo, categoria industriale, paese e fuso orario devono essere autoesplicativi. Sotto Impostazioni di condivisione dei dati, puoi scegliere quello che ritieni appropriato.

Una volta fatto, clicca Ottieni l’ID di monitoraggio continuare. Potrebbe essere necessario accettare i termini e le condizioni di Google Analytics nel passaggio successivo. Successivamente, vedrai la pagina con il codice di monitoraggio e l’ID di monitoraggio.

Codice di monitoraggio e ID di Google Analytics

Per ora, questo è tutto ciò che volevamo ottenere.

Nel passaggio successivo, aggiungeremo il codice di monitoraggio al tuo sito WordPress. Per fare ciò, potresti aver bisogno del codice o dell’ID di monitoraggio, quindi ha senso lasciare aperta la scheda del browser. Se lo chiudi e devi accedervi in ​​seguito, puoi sempre trovare il tuo codice di monitoraggio in Ammin.> Informazioni sul monitoraggio> Codice di monitoraggio.

Passaggio 2. Impara le basi di Google Analytics

Prima di scoprire come aggiungere il codice al tuo sito, cogliamo l’occasione per dare una rapida occhiata all’interfaccia principale di Google Analytics. In questo modo, ottieni una migliore comprensione del tipo di informazioni che puoi trovare lì. Puoi arrivarci facendo clic su Casa pulsante.

Account Google Analytics

A destra, vedrai sempre le statistiche per il tuo sito Web, mentre a sinistra puoi scegliere quali dati guardare. La parte del programma in cui trascorrerai più tempo è la Rapporti scheda. Troverete una serie di sezioni diverse che, se cliccate su, contengono altri sottomenu e contengono le seguenti informazioni:

  • Tempo reale – Ti mostra cosa sta succedendo sul tuo sito al momento dell’osservazione. Quanti visitatori ci sono attualmente, da dove vengono, cosa stanno guardando e altro ancora.
  • Pubblico – Contiene informazioni che ti aiutano a saperne di più sui tuoi utenti, ad esempio il numero di visitatori in un periodo di tempo, per quanto tempo sono rimasti in media e le informazioni demografiche, nonché le informazioni tecniche su di essi.
  • Acquisizione – Ti mostra quali fonti inviano gli utenti al tuo sito e informazioni sui tuoi canali di marketing.
  • Comportamento – Tutto su ciò che fanno gli utenti dopo che arrivano sul tuo sito, i contenuti che guardano e altro ancora.
  • Conversione – Se hai impostato obiettivi all’interno di Google Analytics, qui puoi capire quanto stai facendo nel raggiungerli.

Tutto bene finora? Vediamo ora come aggiungere Google Analytics al tuo sito WordPress ora.

Passaggio 3. Aggiungi Google Analytics a WordPress

Affinché Google Analytics inizi a monitorare i tuoi visitatori, il codice sopra deve essere presente su ogni pagina del tuo sito su cui desideri farlo. Di solito, tutto qui. Ecco come puoi ottenerlo manualmente.

Opzione A: inserire il codice in header.php

Uno dei modi principali per aggiungere il codice di monitoraggio al tuo sito è quello di inserirlo nell’intestazione. In questo modo, verrà caricato su ogni pagina.

Grazie alla configurazione di WordPress, questo è molto facile da raggiungere. La maggior parte dei temi standard ha un header.php file responsabile dell’output della sezione dell’intestazione del sito. Quindi, puoi semplicemente inserire il codice di Google Analytics qui.

Tuttavia, quando apporti modifiche ai file dei temi, tieni presente che è sempre meglio farlo in a tema figlio. Altrimenti, si perderanno quando aggiorni il tema principale. I temi per bambini sono molto utili in generale e dovresti assolutamente leggerne di più.

Dopo aver creato il tema figlio, copia semplicemente il header.php dal tema principale e inizia a modificarlo. Quindi copia e incolla il codice di monitoraggio da Google Analytics in esso subito prima della chiusura supporto.

Aggiungi il codice di monitoraggio di Google Analytics al file di intestazione di WordPress

Inoltre, assicurati che il codice sia racchiuso

Salva, carica e da quel momento, Google Analytics dovrebbe iniziare il tracciamento.

Opzione C: utilizzare un plug-in personalizzato

Una terza opzione per aggiungere manualmente il codice di monitoraggio al tuo sito è la creazione del tuo plug-in. Questo ti dà anche la possibilità di attivare e disattivare le tracce dal back-end di WordPress. Inoltre, si assicura che il codice di monitoraggio di Google Analytics rimanga sul tuo sito anche se cambi temi.

Se non hai mai creato un plug-in prima d'ora, non preoccuparti: è davvero facile! Prima di arrivare a questo è solo una breve nota: affinché il seguito funzioni, il tuo tema attivo deve avere wp_head gancio all'interno header.php. Di solito è implementato per impostazione predefinita, ma vale la pena verificarlo!

Una volta terminato, tutto ciò che devi fare è creare un nuovo file PHP. Prendi l'editor di testo che preferisci, crea un nuovo file e salvalo come qualcosa di simile nick-google-analytics.php. Quindi, aggiungi il seguente codice (suggerimento: è la stessa funzione di prima più un'intestazione che consente a WordPress di sapere che si tratta di un plug-in).

   

Assicurati di sostituire il codice di monitoraggio di esempio (tutto tra ) con il tuo. Altrimenti, non funzionerà. Inoltre, regola l'intestazione come preferisci.

Al termine, salva il file e caricalo nella cartella dei plug-in del tuo sito (wp-content> plugin). Puoi anche dargli una sua sottocartella se vuoi. Al termine, attivalo dal back-end di WordPress come qualsiasi altro plug-in.

Attiva il plugin WordPress personalizzato per il codice di monitoraggio di Google Analytics

Mentre quanto sopra non è molto complicato, e il modo ancora più semplice è usare uno dei tanti plugin disponibili. Esamineremo ora il processo con un esempio e in seguito esamineremo alcuni plug-in che possono fare lo stesso.

Come installare Google Analytics con un plugin WordPress

Per questo tutorial, useremo Google Analytics per WordPress di MonsterInsights. È il plugin più popolare nella directory per questo scopo con oltre due milioni di installazioni. È anche molto facile da usare e viene fornito con un modulo che aiuta a renderlo conforme al GDPR (purtroppo, solo nella versione premium).

Andiamo!

1. Installa il plugin

Naturalmente, ogni volta che vuoi usare un plugin sul tuo sito WordPress, il primo passo è installarlo. Per quello, semplicemente vai a Plugin> Aggiungi nuovo. Cerca per nome (cercando statistiche di Google dovrebbe essere abbastanza).

Plugin di WordPress per Google Analytics

Quando lo trovi nell'elenco, premi Installa ora per iniziare a scaricarlo sul tuo sito. Attiva al termine.

2. Connettiti a Google Analytics

Quando il plugin è attivo, troverai una nuova voce di menu chiamata Approfondimenti nella dashboard del tuo sito. Fare clic per andare al impostazioni menù.

Autentica MonsterInsights con l'account Google Analytics

Clicca su Autentica con il tuo account Google. Questo ti reindirizzerà alla pagina di Google Analytics. Ti verrà chiesto di accedere o, se lo sei già, di selezionare l'account che desideri utilizzare per il monitoraggio.

Accedi all'account Google

Una volta effettuato l'accesso, Google Analytics ti chiederà di autorizzare il plug-in WordPress ad accedere ai tuoi dati.

Consenti al plug-in di aggiungere Google Analytics a WordPress

Questo è necessario perché funzioni, assicurati di permetterlo. Successivamente, devi ancora selezionare il profilo che desideri monitorare. Seleziona quello che hai creato in precedenza e completa l'autenticazione al termine.

Questo è tutto! Verrai reindirizzato al tuo sito. Ti abbiamo detto che sarebbe stato facile!

2.1 Metodo alternativo

Questo non è l'unico modo per aggiungere Google Analytics al tuo sito WordPress con questo plugin. Puoi anche inserire manualmente il codice UA di tracciamento. Per questo, fai semplicemente clic su Clicca qui per autenticarti manualmente.

Inserisci manualmente l'ID di monitoraggio di Google Analytics in WordPress

Troverai il tuo codice UA come ID di monitoraggio nel tuo account Google Analytics.

ID di monitoraggio di Google Analytics

Copialo e incollalo nel campo nelle impostazioni del plugin. Quindi salva le modifiche. Fatto!

Basta essere consapevoli del fatto che non è possibile utilizzare i report MonsterInsights nel back-end di WordPress in questo modo.

3. Regola le impostazioni di monitoraggio

Una volta connesso, è possibile fare clic su puntamento scheda in alto per apportare modifiche al modo in cui l'app tiene traccia dei tuoi visitatori.

Impostazioni di tracciamento di MonsterInsights

Esaminiamo rapidamente i più importanti:

  • Fidanzamento - Opzioni che ti consentono di ignorare gli utenti del sito in base al ruolo dell'utente e abilitare il tracciamento degli eventi (che significa clic sui link)
  • demografia - Attiva i dati demografici e i rapporti sugli interessi. Ancora più importante: è qui che puoi attivare l'anonimizzazione IP.
  • permessi - Ti consente di controllare chi sul tuo sito può visualizzare i rapporti e modificare le impostazioni, se desideri che il plugin si aggiorni automaticamente, segua le statistiche di utilizzo e visualizzi gli annunci.

Ci sono alcune altre cose minori che puoi modificare, ad esempio la gestione dei link di affiliazione e altro ancora. Sfortunatamente, la maggior parte delle opzioni fa parte della versione premium del plugin.

4. Controllare i rapporti

La cosa interessante di MonsterInsights non è solo che è facile da usare, ma anche che tira i dati di Google Analytics direttamente nella dashboard di WordPress. Puoi vederlo sotto Approfondimenti> Rapporti.

Rapporti di MonsterInsights

Tieni presente che Google impiega un po 'di tempo a visualizzare i dati. Pertanto, questa parte potrebbe essere vuota al momento, proprio come nel tuo account Google Analytics. In genere, sono necessarie 12-24 ore prima che i dati vengano visualizzati, è sufficiente ricontrollare più tardi.

Google Analytics e WordPress in breve

Google Analytics è uno strumento importante per migliorare il tuo sito WordPress. Può darti informazioni preziose sul tuo pubblico in modo da poterlo servire meglio.

Nel post sopra, abbiamo parlato di tutto ciò che devi sapere su questa suite di analisi dei dati web, incluso ciò che devi pensare in termini di leggi sulla privacy dei dati.

A parte questo, come hai visto, aggiungere analisi al tuo sito non è complicato. In sostanza, devi solo registrarti e aggiungere il codice di monitoraggio al tuo sito.

Quest'ultimo è possibile farlo manualmente aggiungendolo ai file modello, includendolo in una funzione o in un plug-in personalizzato. I plugin offrono un modo ancora più conveniente come hai visto. Ci sono anche molte diverse opzioni per questo.

Ormai sei pronto per aggiungere Google Analytics al tuo sito WordPress. Speriamo che ti possa aiutare a rendere il tuo sito web ancora più efficace!

Qualche idea su Google Analytics e WordPress? In tal caso, condividilo nella sezione commenti qui sotto.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map