Drupal Tutorial


Tutorial Drupal


In questo tutorial passo-passo, ti mostreremo come costruire un sito web usando l’ultimo CMS Drupal.

Drupal è un potente e gratuito sistema di gestione dei contenuti per creare siti Web, blog, portali personalizzati e altro ancora.

Ha tutte le funzionalità necessarie per creare un sito Web completamente funzionale. È personalizzabile, scalabile e gratuito da usare.

Tuttavia, non è facile come creare un sito Web utilizzando WordPress (o utilizzando i costruttori di siti Web). La conoscenza di base di HTML o CSS sarebbe utile lungo la strada.

Come creare un sito Web utilizzando Drupal (sommario):

    1. Ottieni web hosting
    2. Installa Drupal (installazione rapida o manuale)
    3. Conosci l’interfaccia utente
    4. Cambia il tema del tuo sito Drupal
    5. Configura il tema
    6. Crea una nuova prima pagina
    7. Crea un’altra pagina e aggiungila al menu
    8. Attiva e disattiva i moduli predefiniti
    9. Aggiungi moduli forniti
    10. Familiarizzare con i blocchi
    11. Gestisci blocchi esistenti
    12. Crea blocchi personalizzati

Tempo totale per la creazione di un sito Web tramite Drupal: ~ 3-4 ore
Livello di abilità: Intermedio

1. Trova Web Hosting per ospitare il tuo sito Drupal

Prima di poter costruire un sito Web, è necessario un luogo in cui si trova e raggiungibile aka web hosting.

Hai già un web hosting? Andare al passaggio 2.

Nell’hosting, devi considerare quattro fattori principali:

  1. uptime – La percentuale di uptime mostra per quanto tempo il tuo sito sarà attivo e funzionante. Ti consigliamo di scegliere qualcosa che soddisfi o superi lo standard del settore del 99,9%.
  2. Velocità di caricamento della pagina – Dovresti scegliere un host che si carica più velocemente di 850ms, che è la media corrente.
  3. Servizio Clienti – Dovrai risolvere i problemi con il supporto ad un certo punto. Di conseguenza, ha senso scegliere un host che abbia un supporto clienti di alta qualità e reattivo.
  4. Prezzo – I servizi di hosting variano notevolmente nel prezzo. Scegli quello che puoi permetterti e anche che ha valutazioni soddisfacenti sui primi tre fattori.

Divulgazione completa: Guadagniamo una commissione se finisci per acquistare Bluehost attraverso i nostri link di riferimento in questa guida. Questo ci aiuta a mantenere WebsiteSetup attivo e aggiornato. Grazie per il vostro sostegno.

È possibile ottenere un web hosting e un dominio convenienti da Bluehost, che abbiamo raccomandato.

Hanno i giusti requisiti di sistema per Drupal (vedi documentazione), quindi non devi preoccuparti di non poter configurare il tuo sito. Hanno anche “one-click-install” per Drupal e Joomla, quindi non è necessario pasticciare con l’installazione manuale.

web hosting per drupal

Puoi anche esplorare alternative simili a quelle di Bluehost, come HostGator o SiteGround.

Se sei bloccato registrandoti con Bluehost

Una volta che hai il giusto ambiente di hosting per il tuo sito Web, è il momento di iniziare.

2. Installa Drupal

Esistono due modi per installare e configurare un sito Web Drupal.

Un’opzione è quella di utilizzare una società di web hosting come Bluehost, che ha “installazione rapida”. Un’altra opzione è quella di scaricare e installare Drupal manualmente. Spiegheremo entrambi:

2a. Installazione automatica di Drupal su Bluehost.com (installazione rapida)

Dopo aver effettuato la registrazione e acquisito un dominio su Bluehost, accedi al tuo account e fai clic su “Avanzate”.

BH joomla install

Quindi scorrere verso il basso e fare clic su “Portali / CMS”.

bh drupal install 1

Da lì, cerca l’icona di Drupal.

bh drupal install 4

Fai clic su “Installa ora”.

bh drupal install 3

Da lì, questo è ciò con cui verrai accolto. Noterai che il tuo dominio Bluehost è già incluso nelle impostazioni predefinite. È meglio lasciare queste impostazioni predefinite da sole a meno che tu non sappia cosa stai facendo.

bh drupal install 4

Dopo aver compilato il nome del tuo sito, fai clic su “Installazione rapida”.

bh drupal install 5

Ciò richiede di inserire il nome amministratore, la password e l’e-mail amministratore.

bh drupal 6

Al termine, fai clic su “Installa”.

Quando lo fai, potresti essere sorpreso di trovare questo messaggio. Non ti preoccupare. È solo la pagina index.html predefinita.

bh drupal install 7

Seleziona la casella e fai di nuovo clic su “Installa”.

Congratulazioni! Hai appena installato Drupal sul tuo dominio Bluehost!

bh drupal install 8

2b. Installazione manuale di Drupal (qualsiasi host Web)

Se non stai utilizzando Bluehost o un host web che installa automaticamente Drupal, puoi configurare Drupal manualmente.

Una volta che hai l’host web, l’installazione di Drupal è abbastanza semplice. Vai semplicemente al sezione download del sito ufficiale e premi il grosso pulsante blu.

scarica drupal dalla pagina ufficiale

Una volta sul disco rigido, decomprimere il file appena scaricato. Quindi, connettiti al tuo server via FTP (ad es. Con FileZilla) e inizia a caricare tutti quei file nella directory a cui punta il tuo dominio (di solito la directory principale).

Ci vorrà un po ‘. Nel frattempo, vai al pannello di gestione del tuo host per i database MySQL. Qui, assicurati di creare un database dedicato per l’installazione di Drupal. Mentre il processo sarà leggermente diverso a seconda del provider, dovresti finire con il seguente:

  • Nome del database
  • Nome utente del database
  • La password di quell’utente
  • Indirizzo host del database

Tieni tutte queste informazioni a portata di mano, ti serviranno presto.

Al termine del caricamento dei file, passa al dominio del tuo sito. In questo modo verrà avviato il processo di installazione di Drupal.

installazione drupal passaggio 1

Il primo passo è scegliere la lingua in cui vuoi che operi il tuo sito. Fai la tua scelta e clicca Salva e continua.

installazione drupal passaggio 2

Successivamente, è necessario determinare il cosiddetto profilo di installazione. Questo determina se alcune funzionalità del tuo sito saranno preconfigurate o meno. Le scelte qui potrebbero differire in base alla distribuzione di Drupal che stai utilizzando. Ancora una volta, fai la tua scelta e vai avanti.

Per questo tutorial, andiamo con il profilo standard. Se sei più esperto, puoi anche usare un’opzione minima.

installazione drupal passaggio 3

Nel passaggio successivo, l’installazione di Drupal verifica se l’ambiente è sufficiente per eseguire il software. Eventuali problemi verranno visualizzati come avvisi in modo da poterli risolvere. Continua quando sei soddisfatto.

installazione drupal passaggio 4

Ora è il momento di utilizzare le informazioni del database da utilizzare raccolte in precedenza. Immettere il nome del database, il nome utente e la password. Se il tuo indirizzo host MySQL non lo è localhost, puoi cambiarlo sotto Opzioni avanzate. Nello stesso posto, è anche possibile assegnare un prefisso del database, se necessario (ad esempio, quando si hanno più siti in un database). Salva e continua al termine.

Successivamente, inizierà l’installazione effettiva.

installazione drupal passaggio 5

Il passaggio finale consiste nell’impostare alcune informazioni di base sul tuo sito.

installazione drupal passaggio 6

Ecco come compilarlo.

  • Nome del sito – Il nome del tuo sito web. Puoi cambiarlo in un secondo momento, quindi non essere troppo impiccato per farlo bene.
  • Indirizzo email del sito – L’indirizzo e-mail da cui gli utenti riceveranno le notifiche sul sito.
  • Nome utente – Il nome utente dell’account amministratore principale dei tuoi siti.
  • Parola d’ordine – Seleziona una password complessa per proteggere il tuo account e non dimenticare di confermarlo ancora una volta.
  • Indirizzo email – L’indirizzo e-mail associato al tuo utente principale. Drupal inserirà automaticamente l’indirizzo e-mail del sito, modificandolo secondo necessità.
  • Paese predefinito – Il Paese predefinito per il tuo sito.
  • Fuso orario predefinito – Il fuso orario utilizzato dal tuo sito per visualizzare date e informazioni simili.

Alla fine, devi decidere se il tuo sito deve verificare automaticamente la presenza di aggiornamenti e avvisare se sono disponibili. Una volta soddisfatto, salva ancora una volta e hai finito con l’installazione.

A proposito, alcuni provider di hosting offrono un’opzione di installazione con un clic per Drupal. Puoi trovare un esempio in questo articolo. Basta scorrere un po ‘verso il basso e vedrai le istruzioni. Di conseguenza, verifica con il tuo host prima di seguire il percorso manuale.

3. Conoscere l’interfaccia utente

Dopo aver completato il processo di installazione, atterrerai automaticamente sul tuo sito Drupal appena creato.

installazione drupal completata

Una volta effettuato l’accesso, nella parte superiore dello schermo, vengono visualizzati i collegamenti a tutte le parti del back-end in cui è possibile apportare modifiche al sito. Ne useremo un po ‘più avanti, ma per motivi di comprensione, evidenziamo rapidamente cosa contiene ciascuno di essi:

  • Soddisfare – Qui puoi creare contenuti di base come post e pagine. È anche dove ti occupi dei commenti e trovi la libreria multimediale del tuo sito.
  • Struttura – Qui è dove gestisci tutti gli elementi strutturali del tuo sito, inclusi blocchi, moduli, tipi di contenuto, menu e tassonomie.
  • Aspetto – Contiene le impostazioni per temi e altre opzioni relative all’aspetto, nonché aggiornamenti del sito.
  • Estendere – In questo menu, è possibile installare e disinstallare i moduli Drupal.
  • Configurazione – Ti dà accesso alle impostazioni del tuo sito.
  • Persone – Contiene opzioni per utenti, ruoli e livelli di autorizzazione.
  • Rapporti – Qui puoi trovare registri, informazioni di aggiornamento, rapporti sullo stato, errori, frasi di ricerca e altre informazioni sul tuo sito.
  • Aiuto – L’hub centrale per informazioni utili sull’amministrazione di base del sito e su tutti i moduli installati sul sito.

A proposito, sotto Tasti di scelta rapida, puoi definire i tuoi collegamenti a parti dell’interfaccia di amministrazione che usi spesso.

scorciatoie drupal

In questo modo, puoi migliorare il tuo flusso di lavoro e renderlo più veloce. Tutto chiaro? Quindi mettiamo a frutto queste nuove conoscenze.

4. Cambia il tema del tuo sito Drupal

In fondo, vedi il front-end del tuo sito, che significa ciò che vedranno i tuoi visitatori. In questo momento, è ancora un po ‘insipido, quindi la prima cosa che vuoi fare è cambiare il tema predefinito che il tuo sito arriva con qualcos’altro. Puoi trovare un’opzione per questo sotto Aspetto > Installa nuovo tema.

menu aspetto drupal

Tuttavia, a differenza di altri sistemi di gestione dei contenuti, non è possibile trovare temi all’interno del back-end di Drupal. Per questo, devi andare al directory ufficiale del tema Drupal, per il quale trovi anche un link nella parte superiore della pagina di installazione del tema.

Al momento della stesura di questo articolo, puoi scegliere tra oltre 2.700 temi. La directory offre diversi modi per filtrarli in modo da poter trovare quello che stai cercando.

directory dei temi di drupal

Tuttavia, potresti essere ancora sopraffatto dal numero puro. In tal caso, è bene iniziare con uno dei tanti elenchi migliori disponibili sul Web.

Quando scegli un tema, assicurati che si adatti al tuo livello di abilità tecnica, ti permetta di creare la visione progettuale che hai in mente e che sia sensibile ai dispositivi mobili (un must in questi giorni). Tutti i temi nella directory hanno anche una propria pagina in cui è possibile leggere i loro dettagli e vedere una demo dal vivo.

homepage del tema

Quando hai trovato quello giusto, installarlo sul tuo sito è abbastanza semplice. Scarica il tema dalla directory (trovi le opzioni in basso) o fai clic con il pulsante destro del mouse sul link per il download e copia la sua posizione.

scarica il tema drupal dalla directory

Successivamente, puoi utilizzare il file o l’URL per caricare il tema sul tuo sito.

installa il nuovo tema Drupal

Successivamente, è ancora necessario installarlo dal Aspetto scheda e attivarlo (chiamato Imposta come predefinito in Drupal).

installa il tema drupal e imposta come predefinito

Quando lo hai fatto e torni al tuo sito (c’è un pulsante nell’angolo in alto a sinistra), puoi vedere il nuovo tema in azione.

nuovo tema di drupal installato

5. Configura il tema

Dopo aver installato e attivato un nuovo tema, lo trovi in ​​cima all’elenco nel Aspetto menù. La maggior parte dei temi include opzioni di configurazione a cui è possibile accedere facendo clic su impostazioni link accanto a loro. In alternativa, utilizzare il impostazioni scheda in alto e quindi selezionare il tema che si desidera modificare.

accedere alle impostazioni del tema di Drupal

Entrambi ti portano a questa schermata.

configurare le impostazioni del tema di Drupal

Qui, puoi apportare qualsiasi modifica offerta dal tuo tema e, a seconda del tema, puoi anche visualizzarne l’anteprima contemporaneamente. Questo può essere per cambiare la combinazione di colori, abilitare / disabilitare le immagini degli utenti, caricare loghi e favicon, impostare sfondi, filtri e molto altro. Quando crei un sito Web con Drupal, assicurati di passare da qui in modo da poter sfruttare tutto ciò che il tuo tema ha da offrire.

6. Creare una nuova prima pagina

Ora il tuo sito sembra migliore ma è ancora piuttosto vuoto. È ora di cambiarlo.

Per cominciare, vogliamo creare una prima pagina in modo che i visitatori possano vedere qualcosa quando passano. Per quello, vai a Contenuto> Aggiungi contenuto> Pagina di base. Ti porterà a questa schermata:

drupal editor di pagine di base

Qui, sei in grado di creare contenuti con un editor di base. Nella parte superiore, hai la possibilità di definire un titolo di pagina che verrà visualizzato anche sul tuo sito.

Sotto quello, trovi un link che dice Modifica riepilogo. Quando lo fai clic, ti dà la possibilità di fornire un riepilogo per il tuo post o pagina.

modifica riepilogo nell'editor drupal

Questo è un po ‘come un estratto che apparirà in alcune parti del tuo sito.

Sotto quello, c’è l’opzione per inserire e formattare il testo del corpo. Ad esempio, puoi rendere il testo in grassetto e corsivo, aggiungere e rimuovere collegamenti, creare elenchi, definire virgolette, inserire immagini e utilizzare il menu a discesa per definire le intestazioni. Ulteriori opzioni come l’inserimento di tabelle o divisori orizzontali sono disponibili quando si passa a HTML completo in fondo.

passa l'editor drupal a HTML completo

Se hai mai lavorato con un elaboratore di testi o qualsiasi altro sistema di gestione dei contenuti, dovresti orientarti rapidamente ed essere in grado di mettere insieme il contenuto che desideri. Una volta terminato, assicurati che sul lato destro sotto Alias ​​URL, definisci una lumaca o un URL che termina per la tua pagina. Questo accade semplicemente inserendo qualcosa di simile /prima pagina nel campo.

cambia alias url in drupal

Dopodiché, in fondo, salva il post e assicurati che la casella prima Pubblicato è spuntato.

Fin qui tutto bene.

Per definire la tua nuova pagina come prima pagina, ora devi andare a Configurazione> Sistema> Impostazioni di base del sito. Qui, sotto il Pagina iniziale predefinita, inserisci la stessa lumaca che hai appena definito per la tua nuova pagina.

imposta la nuova homepage predefinita in drupal

Una volta che hai fatto ciò e salvato la configurazione, i tuoi contenuti dovrebbero apparire sulla prima pagina del tuo sito Drupal.

homepage drupal finita

Come prossimo passo, ora vogliamo creare un Di pagina e aggiungerlo come voce di menu. I primi passi sono gli stessi di prima. Crea una pagina di base, popolala con il contenuto (se vuoi sapere come creare un killer sulla pagina, leggi questo post) e impostare una lumaca (ad es. /di).

Tuttavia, questa volta, prima di pubblicare, assicurati di fare clic su Impostazioni del menu e spunta la casella che dice Fornire un collegamento al menu.

aggiungi pagina al menu in drupal

Ecco come compilare le impostazioni visualizzate:

  • Titolo del collegamento al menu – Questo è il testo del link che gli utenti vedranno nel menu di navigazione. Rendilo qualcosa di immediatamente riconoscibile. In questo caso A proposito di me è una buona scelta.
  • Descrizione – Una descrizione facoltativa che apparirà quando qualcuno passa il mouse sopra il collegamento al menu. Può dire qualcosa del genere Scopri di più su ciò che ho da offrire.
  • Articolo principale – Se sono già presenti altre voci di menu, questa impostazione consente di creare voci secondarie.
  • Peso – Con questa impostazione, è possibile determinare l’ordine delle voci del menu. Più alto è il numero, più avanti appariranno.

Una volta che sei soddisfatto delle tue impostazioni, salva la pagina (con Pubblicato attivo). Drupal dovrebbe riportarti automaticamente al tuo front-end, dove vedrai sia la tua nuova pagina che la nuova voce di menu.

pagina aggiunta al menu principale di drupal

Ma aspetta, cosa succede se il menu è nell’ordine sbagliato? Nessun problema, passaci sopra con il mouse e fai clic sull’icona della penna che appare. Questo dovrebbe darti la possibilità di scegliere Menu Modifica.

modifica menu drupal dal front-end

Quando lo fai, si arriva alla schermata qui sotto.

modifica le impostazioni del menu drupal

Qui, puoi semplicemente trascinare e rilasciare le voci di menu nell’ordine desiderato tramite l’icona a sinistra. Salva quando hai finito per tradurre le modifiche al tuo sito. Ultimo consiglio: puoi anche usare il Aggiungi link pulsante in alto per aggiungere manualmente più pagine al menu di navigazione e puoi anche accedere a questo menu tramite Struttura> Menu.

8. Attivare e disattivare i moduli predefiniti

Bene, ormai dovresti avere una conoscenza di base su come aggirare Drupal. Se hai mai lavorato con un sistema di gestione dei contenuti o un costruttore di siti Web prima, dovrebbe essere abbastanza familiare. Tuttavia, il sistema può fare molto di più ed essere esteso per qualsiasi tipo di scopo.

Per questo, molto probabilmente userete i moduli. Come accennato, questi sono piccoli programmi che possono aggiungere ogni sorta di caratteristiche e funzionalità al tuo sito Drupal. Il software di base viene fornito con un sacco di quelli che puoi trovare sotto Estendere.

moduli drupal predefiniti

Non tutti i moduli saranno installati e attivi per impostazione predefinita. Per cambiarlo, basta selezionare la casella di fronte e quindi scorrere verso il basso e premere Installare. Il CMS si occuperà quindi di tutto il resto.

Al contrario, tutti i moduli che non ti servono più, puoi sbarazzarti di sotto Disinstallare linguetta.

disinstallare i moduli predefiniti di drupal

Funziona sostanzialmente allo stesso modo dell’installazione, solo al contrario. Deseleziona le estensioni indesiderate, quindi scorri verso il basso per colpire Disinstallare.

9. Aggiungi moduli forniti

Oltre ai moduli predefiniti, ce ne sono anche molti altri disponibili da altri sviluppatori. Aggiungerli al tuo sito funziona molto come installare temi.

Innanzitutto, devi trovare i moduli che ti piacciono in directory ufficiale. Una volta stabilito uno, scaricarlo o copiarne la posizione. Puoi quindi aggiungerlo al tuo sito tramite Estendi> Installa nuovo modulo.

installa i nuovi moduli forniti da Drupal

Ci sono molti più moduli tra cui scegliere rispetto ai temi, oltre 42.000. Se non sei sicuro di quale di questi abbia senso installare, ecco alcune ottime opzioni:

  • Menu di amministrazione – Con la barra degli strumenti predefinita, perderai tempo a caricare tonnellate di pagine solo per accedere a una singola funzione di amministrazione. Per velocizzare le cose, questo modulo offre fantastici menu a discesa per l’intera area di amministrazione. Disattiva semplicemente la barra degli strumenti esistente, quindi attiva il modulo Menu amministrazione.
  • Gettone – I token sono piccole sezioni di testo posizionate tramite un sistema segnaposto. Ormai, gran parte della funzionalità del modulo Token è stata scritta nel core di Drupal, ma alcuni moduli lo richiedono ancora, come il modulo Pathauto.
  • Suite degli strumenti del caos – AKA Ctools, consente di creare moduli personalizzati, moduli, finestre di dialogo, tipi di contenuto collegabili e altro.
  • Pathauto – Il modulo Path integrato di Drupal ti consente di creare manualmente URL. Questo è fastidioso da fare manualmente per ogni post e Pathauto ti solleva da quella fatica. Puoi assegnare schemi di sostituzione personalizzati e percorsi delle pagine degli account utente in modo che gli URL corrispondano ai tuoi standard SEO e di usabilità. Ricorda: Pathauto richiede il modulo Token e Ctools.
  • Schede rapide – Hai mai visto quelle fantastiche scatole a schede su grandi siti web che elencano contenuti recenti e popolari? Le schede rapide possono fare molto facilmente senza scrivere JavaScript personalizzato. Dopo aver installato e abilitato il modulo, troverai una selezione di Schede rapide in Struttura menù.

Per moduli Drupal più utili, controlla Questo articolo.

10. Acquisire familiarità con i blocchi

Dopo aver installato i moduli con i contributi chiave, potresti voler aggiungere una barra laterale con funzionalità diverse. Un contenuto del genere si presenta sotto forma di blocchi, che abbiamo già spiegato più avanti. Puoi posizionarli in diverse aree, nonché modificarne l’aspetto, la forma, le dimensioni, la posizione e su quali pagine del sito Web compaiono.

A seconda del tema, dei moduli e di altri componenti del tuo sito, avrai accesso a diversi tipi di blocchi. Puoi trovare tutte le opzioni per gestirle sotto Struttura> Layout blocco.

menu di layout del blocco drupal

I blocchi vengono salvati per tema, quindi nella parte superiore trovi un elenco dei temi installati sul tuo sito. Di seguito è riportato un elenco di tutti i luoghi in cui è possibile aggiungere blocchi, chiamati regioni. Se non si è sicuri di dove siano tutti, fare clic su Dimostrare regioni di blocco in cima. Vedrai quindi una vista del tuo sito con punti salienti ed etichette per dove si trova ciascuna regione di blocco.

controlla le regioni di blocco drupal

Per aggiungerne uno da qualche parte, basta scorrere fino alla regione desiderata e fare clic Posiziona blocco. Questo ti darà un elenco di opzioni disponibili.

posizionare il blocco drupal

Quando fai clic Posiziona blocco accanto a quello che desideri sul tuo sito, accedi alle opzioni di configurazione.

configurare i blocchi drupal

Questi saranno leggermente diversi a seconda di ciò che stai posizionando. In questo caso, è possibile aggiungere un titolo (e determinare se mostrarlo) e configurare la visibilità del blocco. Ad esempio, puoi limitarlo affinché venga visualizzato solo per determinati tipi di contenuto, su determinate pagine o in base al ruolo dell’utente attivo. In fondo, puoi anche cambiare la regione in cui vuoi che appaia (nel caso in cui hai scelto quella sbagliata).

Una volta soddisfatto, Salva blocco lo aggiungerà al tuo sito.

11. Gestisci blocchi esistenti

Ovviamente, puoi anche cambiare tutto quello che vuoi sui blocchi che appaiono già sul tuo sito. Utilizzare il menu a discesa sotto Regione per spostarli in un’altra posizione.

modifica blocchi drupal

A destra, un clic su Configurazione consente di accedere alle impostazioni del blocco da prima per modificarle. Se si fa clic sull’icona della freccia, si ottiene l’opzione per disabilitare o rimuovere completamente i blocchi.

Dopo aver apportato modifiche, non dimenticare di salvarle nella parte inferiore dello schermo.

salva i blocchi drupal dopo aver apportato modifiche

A proposito, puoi anche modificare determinati blocchi dal front-end del tuo sito. Passa il mouse su uno di essi in modo che appaia l’icona della penna, fai clic su di essa, quindi fai un secondo clic su Configura blocco.

configura il blocco dal front-end in drupal

Questo ti porta allo stesso menu di prima.

drupal configura il menu di blocco

Qui puoi modificare qualsiasi impostazione, assegnarle a una nuova regione e rimuovere anche i blocchi.

12. Crea blocchi personalizzati

A proposito, puoi anche creare i tuoi blocchi personalizzati. Ciò può avere senso se, ad esempio, si dispone di informazioni che si desidera visualizzare in diverse aree del sito. Questo potrebbe essere l’orario di apertura della tua attività o una particolare notizia che vuoi che i visitatori vedano.

Se lo desideri, vai a Struttura> Layout blocco> Libreria blocchi personalizzata (la scheda in alto).

crea un blocco personalizzato in drupal

Ecco, colpisci Aggiungi blocco personalizzato per arrivare a questa schermata:

modifica il blocco drupal personalizzato

Inserisci una descrizione del blocco in modo che tu e altri amministratori sappiate di cosa si tratta. Quindi, inserisci il contenuto che desideri che il blocco venga visualizzato nell’editor in basso.

Al termine, salva il blocco personalizzato. Quando lo fai, puoi quindi assegnarlo a diverse aree del tuo sito allo stesso modo di altri blocchi.

Ulteriore aiuto

Mentre quanto sopra è sufficiente per darti una solida base per la creazione di un sito Web con Drupal, tieni presente che ci vuole un po ‘di pazienza per sfruttarne il potere. Il processo di apprendimento richiede tempo e uno dei modi migliori per imparare è giocare con gli strumenti e il sistema e capire come implementare le cose che desideri sul tuo sito.

Tuttavia, se desideri un approccio più sistematico all’apprendimento di Drupal, le seguenti risorse sono davvero utili.

Qualunque cosa tu voglia imparare, le informazioni sono probabilmente già disponibili. Quindi, non esitare a cercarlo su Google fino a quando non lo trovi.

Hai provato a creare un sito Web con Drupal? Quali blocchi stradali hai colpito lungo la strada? Hai suggerimenti per risorse di apprendimento aggiuntive? Fateci sapere nei commenti qui sotto!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map